Vendita di accessori telefonia contraffatti, denunciate cinque persone

Sequestrate oltre 64mila unità, fermato un traffico illecito che avrebbe fruttato circa un milione di euro

Le Fiamme Gialle di Ancona hanno denunciato 5 soggetti di etnia cinese/bengalese, per reati d’importazione e commercializzazione di beni contraffatti o realizzati usurpando titoli di proprietà industriale e ricettazione.

I controlli sono iniziati da un esercizio commerciale ad Ancona gestito da un cittadino di origine bengalese. Nell’occasione sono stati sequestrati accessori per telefonia di un noto brand statunitense, in particolare cinturini per smartwatch contraffatti. Tali prodotti erano posti in vendita e/o pubblicizzati anche on-line attraverso appositi siti web e profili social riconducibili ad aziende gestite da cittadini di origine asiatica in grado di importare rilevanti quantitativi di merce direttamente dalla Cina.

Le indagini hanno consentito di individuare i canali d’ingresso in Italia e riguardavano tutte imprese importatrici con sede nella capitale. L’autorità giudiziaria dorica ha messo nel mirino 4 imprese importatrici e sono stati sottoposti a sequestro all’interno dei depositi/capannoni complessivamente oltre 64mila accessori di telefonia contraffatti (cinturini e auricolari) che se immessi sul mercato avrebbero garantito agli organizzatori del traffico illecito di conseguire un guadagno per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro.

Michele Raffa
Author: Michele Raffa

Potrebbe interessarti anche
 
 
 
 
 
 

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS