Oltre 50 scosse di assestamento: le parole del professor Tondi

Ricognizione con l’elicottero per la verifica dei danni

Si è trattato di un terremoto ondulatorio quello che questa mattina ha svegliato i cittadini delle coste marchigiane. La prima scossa alle 7.07 di magnitudo 5.7 localizzata al largo delle coste di fano, “è tipica e comune in quelle zone ed è legata ad uno spostamento appenninico”. Sono le parole del professore Emanuele Tondi, geologo e responsabile Ingv.

“E’ una faglia diversa da quella del 2016“, ha precisato il professor Tondi, ma ha sicuramente provocato il panico nelle moltissime persone scese in strada memori del disastro e del dolore causato dal sisma di 6 anni fa.
Sempre nello stesso punto del terremoto delle 7.07, si stanno verificano scosse di assestamento continue di magnitudo da 4 a 2.4: una cinquantina fino a questo momento.

Continuano nel frattempo gli interventi dei Vigili del fuoco impegnati gli elicotteri dei reparti volo di Pescara e Bologna per una verifica dall’alto delle aree interessate dalla scossa sismica.
Nella clip la ricognizione dell’equipaggio di Drago VF52 sulla zona della clinica privata Villa Igea di Ancona, evacuata precauzionalmente stamattina.

emanuele
Author: emanuele

Potrebbe interessarti anche
 
 
 
 
 
 

                       

Articoli correlati

                       

Dalla home
VUOI RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO?

Iscriviti al nostro
canale telegram

Autore

I Più LETTI
DELLA SETTIMANA

I Più condivisi
DELLA SETTIMANA

 

Ultime NEWS